Don Matteo, dal pulpito, si indicò i genitali.

<< Siamo qui riuniti in Chiesa oggi, per pregare il Signore. Cioè, Io. >>

I Fedeli di tutto PAESE cominciarono a guardarsi tra di loro. Poi, tornarono a fissare il pavimento.

<< Cosa ve ne fate di Dio, quando avete il sottoscritto. Io vi rispondo se mi interpellate. Male, ma lo faccio. E’ pur sempre educazione miei cari Vermi. Vermi padri, vermi madri e vermi figli. Vermi tutti! Capra Carmela! Vai a mordere i capelli a quella vecchia con la permanente, vai! >>. E zoppicando, Capra Carmela, si dirige verso una vecchia ingobbita che armeggia col cellulare.

<< Chiamo le guardieeee >> Si permette di dire la Vecchia, ma Carmela gli addenta il cuoio capelluto e tra urla strazianti la minaccia sfuma.

Don Matteo prosegue: << E’ la prima Messa che dico da mesi. Che dico, da ANNI. Ero troppo preso da bere e andare a Puttane. E’ capibile. Sono un prescelto del Signore. Cosa dovrei fare? Vivere da miserabile? Beh, fatelo voi! E invece, voi vorreste che io fossi un pretino di PAESE timorato ed educatore. EDUCATEMI QUESTO! >> Con fare teatrale si tira su la tonaca mostrando dei genitali martoriati da svariate malattie veneree.

<< Per voi BASTARDI INGRATI, oggi ho portato una sorpresa. Vi presento in anteprima il nuovo SACRESTANO. Ecco a voi SUPERFISTO! Alzati bell’uomo…>>

E dai primi banchi si alza un minuto omuncolo occhialuto e con un riporto notevole. Particolarità? Ha una mano enorme…

<< Ecco vedete questo insignificante omuncolo? E’ SUPERFISTO, un supereroe di terza mano. L’ho scovato in un fumetto porno in bianco e nero degli anni ’60. La sua particolarità? Vedete la sua mano abnorme? Beh, lui ha una maestria assurdo nell’infilarla nei culi. Culi disobbedienti… Vero ‘FISTO? >>.

e SUPERFISTO risponde << Guh >>.

(Continua)

D Controversy